FeLSA News

Guarire Individualismo con Rappresentanza

Convegno De Rita

Veneto

Home

Presentazione

Redazione

Contatti

Notizie

REDAZIONI

Abruzzo

Basilicata

Calabria

Campania

Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Sicilia

Toscana

Trentino Alto Adige

Umbria

Valle d'Aosta

Veneto

LAVORO

Atipico

Autonomo

Somministrato

RUBRICHE

Contratti

Convegni

Normativa

Guarire Individualismo con Rappresentanza

Convegno sull'Identità degli Italiani con il Professor De Rita nel Veneto

“La vera identità degli italiani dal 1950 ai giorni nostri è sempre stata legata alla libertà e alla soggettività. Centrale è il rapporto e la relazione con noi stessi. Oggi purtroppo la nostra soggettività è entrata in crisi e si è tramutata in un egoismo esasperato”.

Così esordisce il presidente del Censis (il famoso Centro Studi di Investimenti Sociali) Giuseppe De Rita, professore e sociologo di fama al recente convegno tematico di conferenze organizzato dal collegio universitario femminile Don Nicola Mazza.

“L’identità italiana - spiega il professore - è sempre stata un cantiere un processo aperto. Negli anni '70, gli anni del divorzio, dell'aborto e dell'entrata in crisi del sacramento della penitenza, ma anche gli anni dell'incredibile crescita dell'impresa. Gli anni '80 e '90 rappresentano il rafforzamento di questo grande soggettività che poi non è altro che la creatività italiana”.

Ad oggi nel nostro paese secondo il professore emerito abbiamo la compresenza di tre popoli: quello degli imprenditori una società vitale che lavora ma che non sa parlare e farsi sentire, quello degli impuniti invece che riescono a farsi sentire e hanno portato all’esasperazione il soggettivismo. Infine quella parte di italiani che non ha più fiducia in se stessa, si sente abbandonata e sfiduciata.

L’italiano non si ritrova in un’identità già data. Oggi vi è una regressione dalla relazione pubblica a favore di una più intima.

“L’italiano medio – spiega il già presidente del CNEL - non ha mai avuto una relazione con il mondo. O meglio l’ha avuta in parte ma essa era vuota, fatta di titoli giornalistici, di tam tam. La relazione attraverso i media non è relazione. E’ solo mero flusso informativo. Una realtà mediata, ad esempio dalla televisione o dalla radio, non può infatti definirsi tale”.

“L’italiano medio – ribadisce Giuseppe De Rita – ha bisogno di un’identità che non può più essere data dal flusso delle opinioni. Quello che regge nel nostro Paese sono le campagne, i modi di vivere dei paesini”. Il rischio è che la nostra identità continua ad essere governata dai media, dalla cultura medio-borghese.

Come si esce da questa situazione? Per il presidente del Censis le parole sono due Rappresentanza e Relazione. Quest’anno è l’anno della rappresentanza, nel mondo della cooperazione si sono messi assieme la lega delle cooperative con la Confcooperative, ancora nel mondo del commercio è nata Rete Impresa Italia che vede in un’unica struttura Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato all’insegna di rinnovare la propria rappresentanza unificando le vecchie sigle. Infine la Relazione. Con se stessi, con gli altri e poi con l'interesse pubblico cioè con la politica perché utilizzando le parole di Martin Heiddeger “l’identità non è nel soggetto ma nella relazione”.

Emiliano Galati

Seg. Gen. Felsa Cisl Veneto

 

Interessante Convegno di De Rita tenuto nel Veneto presso il Collegio Universitario Femminile Don Nicola Mazza.

Supplemento Sindacale del Giornale InformazioneOnLine.Info - Tutti diritti riservati

FELSA CISL - Via Salaria 83 - ROMA - C.F. 97585760586